Archivi categoria: sensazioni

E’ tempo di partire

Dopo più di dieci anni, preparo nuovamente le valigie.

Pronto a un cambiamento importante, con l’entusiasmo di chi affronta un lavoro a lungo sognato.

Eppure avevo deposto le armi, almeno un po’.

… signori, si cambia 🙂

Annunci

silenzio …

Sono successe così tante cose questa settimana, che non basterebbe una settimana intera a raccontarle.

Rispetto il silenzio di legge e ascolto …

nell’incertezza …

Il mio oroscopo su Internazionale di questa settimana:

“Sono stato ordinato ministro della chiesa della vita universale quando avevo 19 anni. Da allora ho celebrato numerosi battesimi, iniziazioni, matrimoni (anche di persone che sposavano se stesse), divorzi, cambiamenti di nome e prese di voti, ho inaugurato case e cacciato fantasmi. In tutti gli anni in cui ho officiato queste cerimonie, ho visto raramente un momento migliore di questo, per voi Leoni, per celebrare un rito di passaggio catartico. Potresti addirittura essere tentato di provarne diversi. Ti consiglio comunque di non sottoporti a più di due. Sei pronto a rompere un tabù o una dipendenza? A rinunciare a un’illusione, a giurare fedeltà o a saltare al livello successivo?”

Sì … più o meno …

2 novembre

Scusate il ritardo …

trentacinque anni fa veniva massacrato Pier Paolo Pasolini. Che sia stato un delitto a sfondo sessuale, un’eliminazione di un testimone scomodo, la vendetta compiuta in nome e per conto di qualcuno, a me poco importa.

E’ stato un artista multiforme (ho scoperto con grave ritardo la sua produzione teatrale) e mi fa piacere ricordarlo.

(… e per Ungaretti, l’essere poeta è la trasgressione)

prontuario

Ho ricevuto, per errore, un messaggio di ringraziamento.

L’Autore mi scrive:

“Ti espongo il mio rinnovato impegno, per non disperdere i risultati ottenuti, a collaborare, unitamente a quanti vorranno farlo, alla costituzione di una voce alternativa che possa avviare quel processo di fisiologica dialettica che deve necessariamente caratterizzare gli organi rappresentativi.”

Che nessuno si offenda, ma a me, il messaggio ha ricordato questo divertente foglio 😀

… e buona serata

settembre

da me le cose vanno … ma nessuno sa dove (ovviamente questa frase non è mia: è presa in prestito da Domenico Starnone, Ex cattedra)

Il rientro è stato movimentato, ma forse dovevo solo ‘riprendere il ritmo’.

Abbracci

ri-divento …

per un (bel) po’ di tempo, sono tornato ad essere solo un lettore di blog.

Debbo dire che è molto piacevole seguire i diari on line delle persone che conosci (e continua ad essere strano seguire i blog di coloro i quali non conosci affatto – e sono la maggioranza).

Non ho mai avuto la sensazione di ‘guardare dal buco della serratura’ , neppure quando mi è capitato di seguire gli scazzi violenti – in qualche caso, debbo ammettere, parecchio – tra blogger.

Probabilmente anche questa forma di diario è destinata a tramontare (qualcuno dice che è già ‘antica’), sostituita da nuove, eccitantissime, invenzioni del web.

Vedremo … per ora io ricomincio a chiacchierare. Abbracci